Just open your eyes and see… life is beautiful

di Stefano Pancari
nikki sixx

È impossibile non cambiare. Il cambiamento è insito nella natura delle cose viventi, dal momento in cui nasciamo al momento in cui saremo ai titoli di coda. Alcuni cambiamenti sono repentini e roboanti, altri sono lenti ed impercettibili.

Allora perché parliamo tanto della necessità di cambiamento se è già nelle corde dell’essere umano? È una domanda che ci poniamo spesso in termini di cultura aziendale e sociale sui topic della salute e della sicurezza. Penso che tutto sia collegato ad un elemento che spesso sottovalutiamo: la consapevolezza. Se siamo consapevoli abbiamo la possibilità di fare quel primo passo verso un qualcosa di diverso rispetto a ciò che pensiamo e facciamo (di pericoloso) oggi.

Achtung baby! Essere consapevoli non vuol dire essere informati. Proviamo a spiegarlo con un esempio dai toni forti. Lasciando perdere i motivi che portano una persona a bucarsi la pelle e iniettarsi la morte, cos’è che non le dà consapevolezza delle conseguenze? Nel grande zoo del mondo c’è chi compie questo gesto con leggerezza senza farsi domande sulle conseguenze, c’è chi si lancia nel burrone con atteggiamento autodistruttivo, c’è chi lo fa sapendo in quale tunnel si sta infilando. Ascoltami bene, non sto giudicando queste persone perché non ho vissuto la loro storia e il contesto storico in cui sono vissuti e vivono loro. Faccio una valutazione del comportamento non tanto di coloro che, nel tunnel della dipendenza, stanno facendo a pezzi il proprio corpo e la propria mente, ma di coloro che ad un certo punto trovano la forza di rialzarsi e cambiare.
nikki sixx
Nel mondo del rock ne abbiamo avuti di esempi e purtroppo quella merda si è portata via tante persone importanti, ma tante altre ne sono uscite. Come Nikki Sixx. Frank Carlton Serafino Feranna Jr, dopo un’infanzia devastata dai genitori, decide di andare all’anagrafe, cancellare il suo nome ed il suo passato e andarsene a Los Angeles. Erano i ribelli anni ’80. Dopo qualche tentativo più o meno riuscito fonda una delle band che mi ha accompagnato nei primi approcci al rock: i Mötley Crüe. Nella seconda metà degli anni ‘80 divennero uno dei simboli dell’hair metal e la loro vita era fatta di eccessi, inconsapevoli a cosa andavano incontro.

Quando ho incontrato per la prima volta l’eroina, ho pensato: “Oh, tutti questi scrittori, musicisti e pittori la usano”. Ero giovane e ingenuo. Non avevo visto il demone. [Nikki Sixx]

Fonte: Rolling Stone

Nikki è una di quelle persone che è arrivata così al limite da essere stata dichiarata morta per overdose (arresto cardiaco, 1987), ma ha saputo risorgere appena in tempo. In quell’istante ha avuto la piena consapevolezza che nel gioco che stava giocando sarebbe uscito sicuramente perdente e si è aggrappato alla vita.

If you want to live life on your own terms / You gotta be willing to crash and burn [Primal Scream – Mötley Crüe]

Oggi parla della sua vita come di una storia di sopravvivenza, raccontata come monito per gli altri in un film ed un libro The Dirt, è padre di 5 figli e nel 2008 ha fondato un nuovo gruppo, i Sixx:A.M. con cui ha scritto una canzone che riassume tutta la bellezza del cambiamento: Life is beautiful.
Esempi come quello di un sopravvissuto come Nikki Sixx e l’amore che prova oggi per la vita sono il motivo per cui dobbiamo risvegliarci dal nostro torpore ed avere la consapevolezza che, anche se non ci iniettiammo eroina, i comportamenti pericolosi non valgono e non varranno mai la pena. Questo è il punto di partenza per un nuovo capitolo della nostra storia.

SCORRI LA PAGINA E LASCIA UN COMMENTO.

0 commento

Potrebbe interessarti

Lascia un commento

Non perderti neanche una nota!

 

Ogni mese puoi avere accesso ai contenuti esclusivi della nostra community.
Questo mese: il backstage della nostra intervista con Nicola Nite dei Tazenda!

Iscriviti   alla Newsletter