Acciaio

di Alice Bettini
Il libro di oggi è ACCIAIO di SILVIA AVALLONE edito da RIZZOLI.
 
Te lo consiglio:
1. Se sei un formatore
2. Se hai a che fare con operai
3. Se devi sviluppare empatia
 
Finalista del Premio Strega, vincitore del Campiello Opera Prima e del Premio Flaiano, il libro parla dell’amicizia di due ragazze di Piombino, i cui padri lavorano alla Lucchini e trasporta il lettore in un mondo che sembra lontano, quasi irraggiungibile. Pagina dopo pagina l’autrice svela una realtà che fa parte della vita di tutti noi, che regna incontrastata nelle fragilità che nascondiamo.
 
La realtà è dura e spietata, e le protagoniste devono lottare per vivere, e spesso l’unico orizzonte in cui possono sperare è una festa di paese. Scoprono di avere un corpo, e che con quello possono essere vincenti. Forti.
L’amicizia tra le due ragazze è forte, invincibile. Ma pian piano il loro rapporto si logora, consumato dalle difficoltà di vivere tra quelle vie senza speranze, con persone con certezze limitate alla vita che gira intorno al lavoro alla Lucchini. Alla fabbrica di acciaio dove succede un infortunio molto grave che coinvolge uno dei loro familiari.
 
Quante volte ti è capitato di dover affrontare il tema infortuni durante un corso?
 
Quante volte ti sei chiesto se ti fossi adeguatamente messo nei panni degli altri?
 
Questo libro può aiutarti a capire meglio il punto di vista degli operai e come gestire il lato “sentimentale” in caso di infortunio.
 
Cosa ne pensi?
 
Scrivimi nei commenti la tua esperienza. Alla prossima e buona lettura d’acciaio.
 
 
SCORRI LA PAGINA E LASCIA UN COMMENTO.
0 commento

Potrebbe interessarti

Lascia un commento

Non perderti neanche una nota!

 

Ogni mese puoi avere accesso ai contenuti esclusivi della nostra community.
Questo mese: il backstage della nostra intervista con Nicola Nite dei Tazenda!

Iscriviti   alla Newsletter