La parola a Andrea Incondi, Managing Director di FlixBus Italia

di Rock'n'safe
FlixBus

Abbiamo chiesto a Andrea Incondi, Managing Director di FlixBus Italia, di raccontarci l’approccio alla sicurezza della nota società di autobus extra-urbani.

Le campagne informative per l’uso delle cinture di sicurezza sui pullman latitano. Da dove nasce questa esigenza in FlixBus?

Da sempre, il tema della sicurezza, anche in quanto connesso con la serenità dei passeggeri e del nostro personale, ha per FlixBus assoluta priorità. Proprio per questo, grazie a un team interno dedicato alla sicurezza stradale, abbiamo sviluppato, nel corso degli anni, il nostro FlixSafety Concept, un modello onnicomprensivo volto a garantire a chi viaggia e a chi è in servizio a bordo dei nostri autobus la massima sicurezza possibile.

Proprio dalla consapevolezza che le dotazioni di sicurezza sono non solo parte integrante, ma anche e soprattutto condizione necessaria perché un’esperienza di viaggio ottimale possa avere luogo, abbiamo ritenuto indispensabile, nell’ambito di tale modello, sottolineare l’importanza del corretto uso della cintura di sicurezza.

Accanto alla sensibilizzazione sull’uso delle cinture, il FlixSafety Concept delinea tutta una serie di misure cha vanno dall’implementazione, a bordo della flotta, dei più avanzati dispositivi di sicurezza, fino alla predisposizione di un secondo autista sulle tratte notturne, ponendo così FlixBus al di sopra degli standard previsti dall’Unione Europea in materia di sicurezza stradale.

FlixBus

Da quale funzione aziendale è nata l’idea e come è stata accolta dal resto dell’Azienda?

La sicurezza di chi viaggia e di chi è in servizio per conto di FlixBus è un aspetto che interessa, inevitabilmente, l’intera azienda. Pur nella loro sostanziale diversità a livello di mansioni e di struttura, tutte le unità lavorative in FlixBus hanno infatti come fine ultimo la soddisfazione e la sicurezza della clientela e del personale di bordo.

In linea con tale unanimità, la decisione di puntare i riflettori sulla sicurezza ha portato alla creazione del FlixSafety Concept come linea guida per tutte le attività dell’azienda.

Quali sono i risultati ottenuti sul comportamento delle persone sui vostri pullman?

Chi viaggia con FlixBus è invitato a prendere consapevolezza del valore della sicurezza, non solo per quanto riguarda l’uso della cintura, ma anche in relazione, per esempio, agli aspetti di tutela della salute, inevitabilmente cruciali in questo periodo di emergenza sanitaria.

Tra le misure attuate a questo proposito (una panoramica completa è disponibile qui) rientrano l’obbligo di mascherina per passeggeri e autisti per tutta la durata del viaggio e anche nelle fasi di imbarco e sbarco e il mantenimento del distanziamento a bordo, che si affiancano alla sanificazione dei veicoli al termine di ogni corsa, check-in touchless e misurazione della temperatura al momento dell’imbarco.

Siamo fiduciosi che la promozione degli aspetti di sicurezza, con la conseguente sensibilizzazione dei passeggeri circa l’importanza del proprio contributo personale, possano sortire effetti positivi, sia nel breve termine, contribuendo a prevenire situazioni spiacevoli, sia sul lungo periodo, producendo un cambiamento nella loro concezione generale e ponendo le basi per una maggiore responsabilizzazione individuale.

FlixBus

Pensate di promuovere in futuro altre iniziative per la sicurezza dei vostri Clienti?

Coerentemente con l’importanza attribuita al tema, continueremo a promuovere il valore della sicurezza anche in futuro. È di fondamentale importanza per i passeggeri, per l’industria dei trasporti e per la società intera che si facciano passi avanti a questo riguardo, e saremo felici di farci portavoce di un’istanza sempre più votata alla massima riduzione possibile del rischio.

La sicurezza dei passeggeri è un bene comune. Quale potrebbe essere la chiave per permettere di diffondere la vostra iniziativa anche su altre compagnie?

Crediamo nel dialogo e nell’unione delle forze come punti di partenza imprescindibili per produrre qualsiasi cambiamento. Siamo quindi dell’idea che la chiave per poter favorire una sempre maggiore comprensione del valore della sicurezza e la diffusione su larga scala delle buone pratiche a esso connesse risieda nella collaborazione continuativa con gli altri operatori del settore e, in generale, nel confronto con l’industria delle autolinee.

FlixBus

Avete qualche dato statistico, tipo il numero di infortunati/vittime di passeggeri a causa di incidenti con pullman e/o statistiche sul miglioramento di questi numeri dopo aver intrapreso la vostra iniziativa?

L’autobus rappresenta, di per sé, una delle soluzioni di trasporto in assoluto più affidabili e sicure: secondo il rapporto ISFORT-ANAV del 2018, un viaggio in autobus è 40 volte più sicuro di uno in auto, e le aziende e i conducenti degli autobus si distinguono per un’osservanza particolarmente scrupolosa del codice stradale.

D’altronde, l’attenzione nei confronti della sicurezza e la costante implementazione di dispositivi tecnologici a bordo hanno garantito negli anni un basso tasso di incidentalità, in linea con quanto dimostrato anche dallo studio Il trasporto interurbano con autobus redatto da Traspol (Politecnico di Milano) nel 2019, che a sua volta colloca l’autobus tra i mezzi più sicuri. Secondo la ricerca, la media annuale del numero di incidenti con feriti che vede coinvolti autobus in servizio extraurbano rispetto al numero totale di incidenti con feriti è di 6 su 1.000.

flixbusOltre alle dotazioni di base, quali le cinture di sicurezza e gli airbag, la progressiva diffusione di dispositivi più avanzati contribuisce a garantire gli elevati standard di sicurezza che caratterizzano il trasporto in autobus.

Tra le funzionalità presenti a bordo della flotta FlixBus si possono ad esempio citare il controllo elettronico della stabilità, l’assistente di corsia, il sistema di controllo della velocità adattiva, i sistemi di rilevamento della sonnolenza, le telecamere retromarcia monitor, i fari antinebbia, il dispositivo automativo di spegnimento incendi nel vano motore, i sensori antincendio nella toilette e vano bagagli e gli ultimi sistemi avanzati di frenata di emergenza automatica.

A tutto ciò si aggiungono regolari controlli di manutenzione, un sistema avanzato di monitoraggio GPS 24/7 tramite un apposito centro di controllo del traffico e la dotazione di ogni conducente di una carta di identificazione per verificare che i tempi di guida e di riposo siano rispettati.

La presenza del doppio conducente sulle corse notturne è invece stata pensata e predisposta da FlixBus nell’ambito del FlixSafety Concept (di cui rappresenta una delle peculiarità salienti) come soluzione volta a garantire una maggiore sicurezza tanto ai passeggeri quanto ai nostri autisti, a cui è garantito sempre il necessario tempo di riposo.

Crediamo fermamente nella possibilità di mettere l’innovazione tecnologica e la capacità di dialogare con l’industria e i passeggeri al servizio di un valore – quello, appunto, della sicurezza – tanto cruciale quanto purtroppo spesso sottovalutato, con la prospettiva di poter vedere diminuire sempre più il numero delle persone coinvolte in incidenti.

SCORRI LA PAGINA E LASCIA UN COMMENTO.

0 commento

Potrebbe interessarti

Lascia un commento

Non perderti neanche una nota!

 

Ogni mese puoi avere accesso ai contenuti esclusivi della nostra community.
Questo mese: il backstage della nostra intervista con Nicola Nite dei Tazenda!

Iscriviti   alla Newsletter