Faremo meglio la prossima volta

di Sergio Masi
faremo meglio la prossima volta 1

Nel mese di Gennaio 2022, i Placebo hanno fatto uscire il brano “Try better next time”.  Appena un mese dopo, la Russia ha dichiarato guerra all’Ucraina e io dentro di me cerco di acquietare le esplosioni di rabbia per quella che considero una decisione scellerata, egoista e soprattutto inumana ripetendomi come un mantra “faremo meglio la prossima volta”.

La storia, a dirla tutta, non sembra sostenere questo mio pensiero… Prendendo in prestito le parole del Manzoni: “La storia insegna che la storia non insegna nulla”.

Eppure non avrei superato i miei lunghi anni come RSPP se non conservassi dentro di me, sotto i chili di troppo e la barba spesso incolta, una buona dose di ottimismo. Messo frequentemente a dura prova, ma comunque presente.

DOBBIAMO continuare a credere che qualunque cosa succeda, esista sempre la possibilità di fare meglio. La prossima volta faremo meglio. Quello che è fondamentale, è che poi questa prossima volta arrivi. E sta a noi farla arrivare.

“Faremo meglio la prossima volta” non può essere la scusa per gli errori del presente. Vabbè, ormai è andata così, la prossima volta andrà meglio. NO.

“Faremo meglio la prossima volta” è una frase che mi rasserena perché la vivo come un’apertura verso la crescita. Spesso di fronte a uno sbaglio tendiamo a chiuderci nella colpa, nel rimorso, nel senso di impotenza o ancora nella sfiducia e nell’auto-mortificazione. Queste sono emozioni che coloro che vogliono fare sicurezza non possono permettersi di provare per più di cinque minuti. “Errore” deve andare a braccetto con “reazione” e questa reazione deve portare al miglioramento per il futuro.

Faremo meglio la prossima volta. Ma quella “prossima volta” si inizia a costruire adesso.

Wake up, wake up

Sveglia Sveglia

Try better next time

Prova meglio la prossima volta

Wake up, wake up

Sveglia Sveglia

[…]

There’s a spot in the ocean

C’è un punto nell’oceano

And that’s where we’ll meet

Ed è lì che ci incontreremo

Somewhere far away

Da qualche parte lontano

Where fish can nibble at our feet

Dove i pesci possono rosicchiare i nostri piedi

And we can grow fins

E possiamo far crescere le pinne

Go back in the water

Torna in acqua

Grow fins, go back in the water

Coltiva le pinne, torna in acqua

SCORRI LA PAGINA E LASCIA UN COMMENTO.

0 commento

Potrebbe interessarti

Lascia un commento

Vesti il manifesto della sicurezza!

 

 

Acquista la T-shirt

Non perderti neanche una nota!

 

Ogni mese puoi avere accesso ai contenuti esclusivi della nostra community.
Questo mese: il backstage della nostra intervista con
Davide Chiarantini!

Iscriviti   alla Newsletter