18/01 – Tragedia sulla nave Vespucci: “Mio figlio morì per la mancanza di sicurezza”

di Veronica Niccolai

Torna a parlare dopo quasi 9 anni per ricordare il figlio la madre di Alessandro Nasta, nocchiere di Brindisi che operava sulla nave scuola Amerigo Vespucci, morto dopo un volo di 15 metri mentre si svolgeva un lavoro sull’albero della nave.

La “tradizione” (come la chiama lei) è sempre stata quella di salire sull’albero senza accorgimenti particolari relativi alla sicurezza sul lavoro ( il militare non era assicurato ad un cavo nè aveva una dotazione e formazione a norma di legge), cosa che al povero Alessandro è stata fatale.

Il processo risulta ancora in atto e gli imputati sono accusati di omicidio colposo con l’aggravante della violazione delle norme sulla prevenzione e la sicurezza del lavoratore.

FONTE: Il Secolo XIX

0 commento

Potrebbe interessarti

Lascia un commento

Non perderti neanche una nota!

 

Ogni mese puoi avere accesso ai contenuti esclusivi della nostra community.
Questo mese: il backstage della nostra intervista con
Davide Chiarantini!

Iscriviti   alla Newsletter